Tradizione & Folklore: “e Fujenti”

RITI PASQUALI: E Fujent tra Folklore e Religione

E “fujenti” o “vattient”, una tradizione che ha origini lontane nel tempo, una storia tra sacro e profano, religione e credenze.

Correva l’anno 1450, era il giorno del Lunedì dell’Angelo, un giovane giocando a “palla a maglia” colpì, in uno scatto d’ira, l’immagine della Madonna, posta al margine del campo, questa a seguito dell’impatto cominciò a sanguinare da una guancia; da allora, il lunedì di Pasqua di ogni anno centinaia di fedeli si recano al Santuario della Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia, vestiti di bianco con fasce rosse alla vita e azzurre a tracolla, preceduti da bandiere e stendardi con l’immagine della Madonna dell’Arco, per chiedere grazie o semplicemente per devozione. In questa occasione, i fujenti arrivano scalzi, correndo, piangendo o addirittura avanzando in ginocchio fino all’altare per voto, per fede o per una grazia ricevuta.

cof

Altra tradizione fondamentale e particolarmente sentita dai fujenti è quella della “questua”: nel periodo che va da gennaio fino al Lunedì dell’Angelo, si riversano per strada e nei quartieri, cantando le lodi alla Madonna Dell’Arco ed evocandone il suo nome accompagnati dalla Banda Musicale, chiedono offerte. Questo è per loro una condizione fondamentale sia perché rappresenta un momento intenso di preghiera sia per il valore della raccolta, il ricavato, infatti, sarà poi donato al Santuario, che a sua volta lo devolverà in beneficenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...