Al Salone Internazionale del Libro di Torino: “La fiamma spezzata”  di Giovanni Taranto

la fiamma spezzata

Un vertiginoso viaggio negli abissi dei terribili anni Novanta nel Vesuviano, dove nulla è come sembra, tra passioni violente e affari della criminalità organizzata. Taranto crea un bel personaggio, il capitano Giulio Mariani, e lo inserisce in una intrigante ambientazione.

 Maurizio de Giovanni

Il linguaggio è scorrevole, ironico, dialettale e dà vita a un giallo avvincente.

IL MATTINO

Fin dall’inizio colpisce, e sono le pagine più belle, la descrizione della vita da caserma, tra scherzi e liti, ma soprattutto il racconto del sacrificio quotidiano di chi indossa la divisa di carabiniere.

LA REPUBBLICA

Un giallo scritto bene (…). Atmosfere e ambientazioni molto vicine alla realtà.

MESSAGGERO VENETO

Taranto, giornalista di cronaca nera, in questo suo primo romanzo rende con grande efficacia una lunga esperienza maturata sul campo.

Il SOLE 24 ORE

Presentazione

  • venerdì 15 ottobre ore 11,45 pressolo Spazio Foyer – Centro Congressi, Lingotto Fiere

con Giulio Biino

eCarla Fiorentino

Sarà presente l’Autore

IL LIBRO

Una donna mette in allarme la sede dei Servizi segreti militari di Roma: vuole sapere la verità sulla presunta morte del figlio Ciro Casillo, carabiniere, avvenuta sei anni prima e archiviata come suicidio. Ad occuparsi del caso è il comandante della Compagnia di San Gioacchino, nel Vesuviano, il capitano Giulio Mariani, brillante, astuto e romano de Roma, che si è guadagnato i gradi sul campo. L’indagine dovrà essere tenuta segreta per non creare imbarazzi ai livelli più alti dell’Arma e dell’Intelligence. Con l’aiuto dei fedeli investigatori del Nucleo Operativo e di una giovane Pm napoletana, Mariani tenterà di far luce su una vicenda che sembra coinvolgere i clan della Camorra e gli stessi Servizi militari. Fra Natale, Capodanno ed Epifania, il capitano, tra indagini, blitz e la frenetica e a volte pittoresca quotidianità della caserma, avrà a che fare con casi minori, episodi tragicomici, filosofia napoletana e il tentativo di ritagliarsi un briciolo di vita familiare. Tra tanti possibili colpevoli, colpi di scena e intuizioni del detective, arriva la svolta finale. A Mariani, perfettamente tratteggiato nella sua incrollabile tenacia, nel suo acume investigativo, e nelle umane debolezze, finiamo per affezionarci, desiderosi di seguirlo in altre indagini. Un avvincente giallo, ricco di senso dell’humor, ambientato in un Vesuviano e in una Napoli magistralmente descritti. Un esordio brillante. Premessa di Vincenzo Coppola, già Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri.

Giovanni Taranto vive a Torre Annunziata. Giornalista specializzato in cronaca nera, giudiziaria, investigativa, è autore di alcune delle più importanti inchieste sulla camorra del Napoletano. Dal 2019 è presidente dell’Osservatorio permanente per la legalità di Torre Annunziata, uno dei feudi della camorra campana. È stato tra i fondatori di Metropolis Network, cittadella dell’informazione che dal 1995 al 2013 ha rappresentato una delle realtà di punta del giornalismo in Campania. Come direttore di Metropolis TV, ha contribuito a svelare molti retroscena del crimine organizzato e della mafia all’ombra del Vesuvio grazie a programmi realizzati con magistratura e associazioni antiracket. Oggi è condirettore di «Social News» e tiene seminari di giornalismo in vari atenei. Cintura nera 7° Dan e Grand Master di Taekwondo Unitam/Song Moo Kwan, è impegnato nell’insegnamento dell’arte marziale per l’autodifesa femminile e il recupero dei minori a rischio, e per la sua diffusione nella scuola pubblica. Questo è il suo primo libro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...